Notizie dal cncp

COMUNICATO STAMPA DEL COLAP

Bruxelles, 13 novembre 2019. Si conclude oggi la tre giorni di incontri a cui la delegazione ufficiale del CoLAP ha preso parte al Parlamento Ue ospiti del vice presidente Castaldo. Un’occasione importante per discutere delle nostre istanze con le istituzioni europee e per sottolineare anche a livello comunitario l’importanza delle professioni associative. Libera concorrenza e promozione delle professioni sono stati i temi dei tavoli. Al centro della discussione la direttiva sul test di proporzionalità, che molto piace ai professionisti associati. La scadenza per il recepimento è il 30 luglio 2020, il vice presidente del Parlamento europeo Fabio Massimo Castaldo ha preso l’impegno formale di vigilare sul corretto recepimento della direttiva Ue che potrebbe davvero intervenire con un’iniezione di competitività e competenze.

“Il corretto recepimento della direttiva è il nostro prossimo obiettivo principale ”, è il commento della presidente CoLAP Emiliana Alessandrucci. “Abbiamo incontrato istituzioni e una politica più matura in grado di disegnare un sistema professionale più liberale, tutelato ma anche capace maggiormente di cogliere le sfide che ci si presentano davanti. Nel programma 20/21 abbiamo messo al centro l’internazionalizzazione delle professioni e abbiamo raccolto consensi e partenariati che ci supporteranno nel percorso ad ora delineato”.

Tra gli appuntamenti a cui ha preso parte il CoLAP anche un tavolo convocato dalla presidente della commissione affari economici del Parlamento Ue Irene Tinagli. Dall’incontro è emersa la volontà di agire a tutela del mondo professionale. La Tinagli ha preso l’impegno di agire da ponte con gli altri commissari per dare ampia visibilità alle istanze delle professioni associative.

“Il CoLAP si impegna a portare la rappresentanza delle professioni associative in Europa”, conclude la presidente Alessandrucci. “E’ fondamentale il confronto con altre realtà comunitarie. Ora sarà fondamentale vigilare sul rispetto degli impegni presi per la crescita del comparto professionale, dell’Italia e di tutto il continente”.